Cerca
giovedì 30 giugno 2016 ..:: Home ::.. Registrazione  Login
Video S. Martino
ultimo agg.to

4 febbraio 2013

 

dal 6 giugno 2006 a oggi, 10.12.2012 

 

122.139 clik.

I VICINI DI CASA
Addio emigrante
L’addio dell’emigrante
 
E’ giunta l’ora di dover partire
da te, diletto, semplice paese:
è tanto lancinante il mio soffrire
che voglio un poco renderlo palese.
 
Addio, chiesa amata; San Martino
e Tu Colomba Vergine Maria
nel cor per sempre avrete un posticino
perché facciate luce alla mia via!
 
Ritornerà l’autunno, il nuovo vino,
la festa novembrina del Patrono,
prometterà il ciel d’esser turchino
e tutti aspetteran qualcosa in dono.
 
Ma io sarò lontan da questa Terra,
separerà la patria il vasto mare,
avrò nel petto una crudele guerra
e il desiderio di poter tornare.
 
Stan qui sepolti amici e familiari,
risiede qui la nostra brava gente,
i bimbi e i luoghi tutti mi son cari
perché stanno scolpiti nella mente.
 
Un dolce pianto righerà il mio viso
quando mi pungerà la nostalgia
e non avrò la pace, né il sorriso,
finché non rivedrò l’Italia mia.

 

Domenico Caruso

 

Al mio paese

O San Martino che sei il mio paese, e dal tuo popolo gentile e cortese popolo d’onore orgoglioso allegro il suo cuore umirtuoso.

 

Con le tue borgate, quartiere, e rione, campo, campiello, trappito e cafone, che porti nella tua tradizione, il tuo calvario e la piccola stazione.

 

Per ogni passante hai due preghiere la tua antica grotta e la santa croce del signore e sono fiancheggiati al tuo paesello, la sù al casello, la giù al canalello.

 

A te o San Martino l’undici novembre ti festeggiamo e vino di casa nostra al forestiere offriamo, per le vie del paese ti passiamo e sù le nostre spalle ti portiamo.

 

E c’è la tua Chiesa pronta a crollare solo un tuo miracolo che la fà fermare, e per il tuo emigrante che và in terre lontane a Te chiede un miracolo, maglio il suo domani.

 

Ma tutti tornano, e tutti staranno con Te vicino, assieme alle Tue lodi “O San Martino”.

 

Rocco Carpentieri ‘59

 

La foto del mese
via crucis vivente
Sei di San Martino? manda il tuo messaggio a "Jeu sugnu i sammartinu" e verrà pubblicato nel sito
Leggi le e-mail trasmesse...
brevi cenni storici su san martino

San Martino Città Antica.

 

Prima della metà del X secolo San Martino in quanto centro abitato non esisteva. La sua origine può essere ricostruita partendo da un nucleo di poche case coloniche sparsein Vallem Salinarum” che era il nome originario del luogo dove cominciò a prendere forma l’antico villaggio di San Martino. Tale sito urbano fu edificato dagli abitanti della vicina Tauriana che, saputo dell’imminente arrivo dei Saraceni in quelle zone, vollero stabilirsi dall'altra parte del fiume Metauro costruendo un gruppo di case al quale diedero appunto il nome di San Martino. Nel corso dei decenni successivi insieme al tessuto di strade e abitazioni costruirono anche un castello che dominava tutto il piano circostante. Del castello però esiste oggi solo qualche rudere.

Ruggero d’Altavilla, il Gran Conte, celebrò le sue nozze con Giuditta d’Evreux proprio nel castello di San Martino ed era l’inverno dell’anno 1062. Ruggero in seguito divise il territorio in tanti stati e il territorio adiacente al centro di San Martino venne elevato al rango di Contea.

Nel 1129 Ruggero II riunì poi sotto il suo comando tutta l’Italia Meridionale fissando la Contea di San Martino quale sede di Corti o Stati Generali.

Carlo D’Angiò successivamente elesse, luogotenente di questi luoghi, il figlio Carlo, detto “lo Zoppo”, nominato ancora prima Principe di Salerno e questi il 30 marzo del 1283 convocò nel castello di San Martino un solenne parlamento di Prelati, Baroni e Deputati di tutte le città dove furono proposte, discusse e approvate le nuove divisioni territoriali della Monarchia.

Nel 1302 Ruggiero di Lauria incoraggiò e diede impulso allo sviluppo urbano e territoriale di Terranova con competenza amministrativa anche su San Martino, così da tale data il castello di San Martino perse la sua importanza strategico-militare ed economica, divenendo casale di Terranova.

Il terremoto del 5 febbraio 1783 distrusse completamente San Martino insieme alla totalità dei centri abitati della Piana di Gioia Tauro così il paese fu ricostruito non più in località Amella, ma in una nuova zona chiamata Abbadia dove tuttora si trova e più tardi fu inserito nel comprensorio di Jatrinoli e poi in quello di Radicena.

Questa è la breve storia di un piccolo centro abitato che oggi è una popolosa frazione del Comune di Taurianova ma che nei secoli passati ha avuto un ruolo di primo piano nella storia della Calabria e della Piana in particolare.

 

 

The Ancient Town of San Martino

 

Brief historical account on San Martino

 

Before the first half of the tenth century San Martino as a village did not exist.

Its origin can be traced by going back in time to a few scattered farmhouses in the “Vallem Salinarum” which was the old name of the site where the ancient village of San Martino began to take shape. This urban location was established by people from nearby Tauriana whom having heard about the arrival in the area of the raiding Saracens moved to the other side of the Metauro river and started to build a group of houses which they named San Martino.

During the following decades they developed a network of roads and streets and also built a castle overlooking the surrounding Plain. Today only a few ruins of the castle are still visible.

In the winter of 1062 Ruggero of Altavilla, the Great Count, celebrated his marriage with Giuditta D’Eventreux in the castle of San Martino. Later Ruggero divided the territory in several states and the territory adjacent to the town of San Martino was elevated to the status of County.

 

In 1129 Ruggero II united under his rule the whole of Southern Italy establishing the County of San Martino as the centre of Courts and General States. Subsequently, Carlo D’Angiò (Charles Angevin) appointed his son Carlo Prince of Salerno also nicknamed “the lame” as ruler of the area. In 1283 he summoned in San Martino a solemn parliament of prelates, barons and delegates of all the cities under his dominion to discuss the new territorial partitions of the monarchy.

In 1302 Ruggero of Lauria encouraged and gave impetus to the urban and territorial development of Terranova giving it also administrative competence over San Martino. Hence, since this time the castle of San Martino lost its strategic, military and economic importance becoming a hamlet of Terranova. The earthquake of 1783 completely destroyed San Martino together with many other villages and towns of the Plain of Gioia Tauro. As a consequence the village was not rebuilt on the old Amella site but was moved to a new area called Abbadia where today still stands. Later this was included in the district of Jatrinoli and then of Radicena currently known as Taurianova.

This is a brief history of a small urban centre that today is a populous suburb of the municipality of Taurianova but in past centuries played a central role in the history of Calabria and of the local Plain in particular.

 

A cura di De Marco Martino

 

Almanacco di San Martino

VIA GIOVANNI BERTA San Martino
Via Giovanni Berta San Martino (di Rocco Fazzari)

Pure San Martino ha avuto via Giovanni Berta, nel ventennio fascista l'attuale Via Garibaldi è stata denominata così.

Ad una delle più importanti vie del nostro paese è stato dato il nome di un uomo che è stato utilizzato dalla propaganda fascista per tutto il ventennio su tutto il territorio nazionale.

Il tratto di strada provinciale Palmi-Iatrinoli, all'interno dell'abitato chiamato Via Nuova (vinova), denominata Via Giovanni Berta nel periodo fascista, assumendo poi l'attuale denominazione di Via Garibaldi.

Chi era Giovanni Berta?

Per la propaganda fascista che lo innalzo a martire del fascismo, era un simpatizzante fascista che attraversava il ponte in bicicletta, con una spilla dei Fasci di Combattimento attaccato al bavero della giacca.

Secondo anarchici e comunisti era uno dei componenti effetti dei fasci di combattimento fiorentino, ucciso nel corso di una autentica battaglia.

Di sicuro fu picchiato sul ponte Sospeso e gettato nell'Arno il 28 febbraio 1921, dove annegò.
N E W S
LA TUA VETRINETTA
FOLKLORE
Vocabolario Sammartinese
ASSOCIAZIONE CASTELLO

 

 

 

Il sito è di proprietà dell'Associazione "Il Castello San Martino", che dal 2004, opera a San Martino nel campo culturale.

Nel sito si trovano tante notizie di ieri e di oggi su San Martino, si divide in cinque macro aree: A San Martino - Eventi - Aspetti Religiosi - Personaggi di ieri e di oggi - Sammartinesi nel mondo.

 
Ma chi è "Il Castello"?

Una sera d'estate, esattamente quella del 2004, quattro amici nella solita piazza, bisogna fare qualcosa per dare "una scossa" a San Martino, si pensa a tante cose, ma su di una ci si trova tutti d'accordo, costituire una Associazione  socio-culturale e dargli il nome "Castello", questo per ricordare la storia millenaria di San Martino.

 

L'ASSOCIAZIONE OGGI:

Presidente Francesco Rodinò

Vice Presidente Domenico Cosentino

Segretario Enrico Domenico Licopoli

Associati 18 cittadini

 

 
La nostre attività dal 2004 a oggi...
 

2004: Novembre, Notte Sammartinese con artisti di San Martino.

 

2005: Novembre, Straordinaria raccolta di fotografie d'epoca che culmina con una grande mostra forografica dal nome "San Martino nel Tempo" che riscuote un enorme successo, e dato il numero elevato di visitatori rimane aperta per quasi due mesi anzichè tre giorni come era previsto inizialmente. Tradizionale "Capanna della Natività", appuntamento ormai irrinunciabile per tutta la comunità.

 

2006: 6 giugno creazione del sito internet, Capanna della Navità,

 

2007: I° novembre, primo corteo storico citta di San Martino;

 
2008:
 
2009:
 

2010: Luglio, Prima edizione di estate ragazzi; 11 novembre, trasmissione diretta della Festa di San Martino.

 

2011: Luglio, Seconda edizione di estate ragazzi; Calendario Storico su San Martino con 12 foto storiche sul paese; festa del 4 novembre e posa della stele, presso il monumento ai caduti, con incisi i nomi dei militari di san martino;

 

2012: Luglio, Terza edizione di estate ragazzi; 16 dicembre, "Aspettando il Natale", Babbo Natale e i Bambini di San Martino; Presentazione del libro di Rocco Carpentieri i "Sammartinesi al Fronte" libro ricordo sui militari di san martino;

 

2013: Calendario con n. 12 fotografie ieri/oggi su San Martino.

Copyright (c) 2000-2006 Associazione Il Castello   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2016 by DotNetNuke Corporation